Società e culture risposte e domande - askADC.com
Casa > Società e culture

Società e culture

  • La religione è γνῶσις (Gnosi) o δόξα (Opinione)?

    Non mi riferisco alla Gnosi antica, quanto piuttosto alla pura definizione dei vocaboli. A voler essere più precisa, per γνῶσις (Gnosi) intendo la Conoscenza nella sua definizione originaria, classica, cioè sia dianoetica che noetica, mentre mi riferisco a δόξα (Opinione), nel suo significato più "alto", per cui la δόξα diventa fede.  Poiché, se interpretiamo la religione come γνῶσις (Gnosi), essa è allora sia dianoetica (aristotelica), che noetica (il conoscente che si identifica al conosciuto) poiché presuppone un atto intellettivo-conoscitivo e quindi gnostico-sapienziale: «Dio è Dio, ovvero Colui che intellige immediatamente, in quanto perfetto ed eterno, e conoscerLo presuppone uno sforzo intellettivo-conoscitivo, noetico, quindi gnostico». Se invece vediamo la religione come δόξα (Opinione) allora essa è sola fede, credenza (nel suo significato più elevato), che però difetta di sforzo intellettivo-conoscitivo, poiché esclusivo abbandono senza puro atto noetico-intellettivo che porta a conoscere Dio e i Suoi Misteri. La domanda quindi è: la religione è γνῶσις (Gnosi) o δόξα (Opinione). O magari un compromesso delle due? E se fosse un compromesso tra le due, qual è il limite di una e dell'altra? È possibile che le religioni difettino di γνῶσις (Gnosi) a favore della sola fede? Chiedo scusa per molteplici domande.  Grazie a chi risponderà sollevandomi dal dubbio.
    7 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • Come posso diventare un''esperta' di religione?

    Migliore risposta: ti parlo da appassionato dilettante di storia delle religioni, ma anche antropologia delle religioni e scienza delle religioni.  Materia vastissima in cui non è possibile divenire sul serio competente se non settorialmente, ma devi evitare comunque di avvicinarti a questo argomento da una sola prospettiva: se ti informi da un'unica fonte targherai le tue reali conoscenze tarpandotele irrimediabilmente. Per questo ti sconsiglio di metterti a studiare teologia, poiché esistono tante teologie quante sono le religioni e articolazioni di religioni. Pensa ad esempio a chi volesse schiarirsi le idee sulle religioni dell'india, e iniziasse da un manuale delle teologie induiste come quello curato da pereira per le edizioni astrolabio-ubaldini, ma dopo aver letto tale manuale, dell'induismo nel suo insieme avrebbe le idee più confuse di prima di aver letto quel libro.
    Più utile è dotarsi di una buona enciclopedia delle religioni.  Quella a mio avviso migliore è purtroppo in questo momento non facilmente reperibile, è questa:
    http://www.librinlinea.it/titolo/enciclo...
    Diffida dalle proposte incomplete di questa enciclopedia, come ho notato di un sito che ne propone tre volumi invece dei sei a 75 euro, ma appunto è incompleta!
    Il suo titolo completo è enciclopedia delle religioni vallecchi in 6 volumi. Vallecchi è il nome dell'editore, mentre il curatore era il prof. alfonso di nola, probabilmente il migliore storico delle religioni italiano del dopoguerra.  Sono fortunato possessore di questa enciclopedia :)  Ti posso solo dire che se riesci a procurartela, e poi la vai sfruculiando qua e là a tuo piacere, hai molta probabilità di appassionarti sul serio a questo argomento e di volere saperne sempre di più.
    18 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • Voi credenti in che modo interpretate la figura biblica di Melchisedec?

    Migliore risposta: Allora. Se non erro, Melchisedec è un re-sacerdote Cananeo (secondo l'antica usanza mediorientale) di Elyon (Divinità suprema Cananea, poi sincretizzata con Yhwh dagli Ebrei).

    Per quanto riguarda essere un Eloah (Elohim è plurale) la risposta è semplice: Eloah indica non solo un Dio, ma anche chi era considerato investito di potere dalla Divinità (ad esempio uomini con incarichi Divini o Angeli). E nella stessa Bibbia trovi diversi esempi di ciò.
    @sei sicuro su Shalim come città? Ho fatto qualche ricerca, anche se superficiale per ora, e ho trovato solo un Dio Semitico del tramonto con questo nome, il cui eco sarebbe rimasto nel nome della città di Salem (Gerusalemme). Posso chiederti le fonti per verificare? (Non per qualcosa, è mia abitudine verificare sempre).
    12 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • Vorrei avere un chiarimento da esperti della Bibbia?

    Migliore risposta: Il termine dio può essere usato come sostantivo o come aggettivo.

    Gesù è Dio perchè ha gli attributi di Dio ed ha acquisito la stessa gloria adempiendo la Sua missione sulla terra.
    Gesù ha sempre potuto essere agettivato come dio poichè come primogenito spirituale e per la sua intelligenza divina era il più simile al Padre.

    Egli era presso il Padre fin dal principio e fu delegato dal Pdre a compiere molte opere per Suo conto:

    Giovanni 1:1-3, 14
    1 Nel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. 2 Essa era nel principio con Dio. 3 Ogni cosa è stata fatta per mezzo di lei; e senza di lei neppure una delle cose fatte è stata fatta.
    14 E la Parola è stata fatta carne ed ha abitato per un tempo fra noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiam contemplata la sua gloria, gloria come quella dell'Unigenito venuto da presso al Padre.

    Risulta evidente che ci troviamo di fronte a due personaggi distinti, un DIO Padre e un Dio Figlio, sono uniti negli intenti, nei propositi, ma sono due persone separate e distine, e nella divinità vi è un'altra persona che è Lo Spirito Santo a sua volta separato dal Padre e dal Figlio ma unito negli intenti.

    Tu sei figlio, ed hai un Padre fate parte di una famiglia in questo siete uniti, una squadra quando siete concordi e tua mamma con voi.
    Ma ognuno di voi è una persona a se stante.

    Quando Gesù si recò al Giordano per essere battezzato Lui era sulla terra, il Padre, Dio Padre parlò dal cielo e lo Spirito Santo si presentò in forma di colomba, tre separati e distinti.
    Quando Stefano subì il martirio vide i cieli aprirsi e vide il Figlio alla detra del Padre, non vide una persona, ma due una alla destra l'altra alla sinistra.

    Atti 7:55-56
    55 Ma egli, essendo pieno dello Spirito Santo, fissati gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio, 56 e disse: Ecco, io vedo i cieli aperti, e il Figliuol dell'uomo in piè alla destra di Dio.

    Non si tenta di separare, sono separati. 
    E' durante il concilio di Nicea 325dC. che si canonizzo una falsa dottrina che quella della SS. Trinità, in quel concilio indetto da Costantino Imperatore, furono discusse, tra grandi litigi privi di qualsiasi ispirazione divina, alcuni dogmi settari che sono arrivati fino a noi oggi.
    Ma la Bibbia smentisce tale dottrina dove Gesù dice che il Padre è in cielo, mentre Lui predica sulla terra Matteo cap.6 e 7 che predica ciò che il Padre gli insegna
    Non possiamo pensare che si insegnasse da solo e poi predicasse.
    Smentisce quando sul monte della trasfigurazione il Padre in una nuvola, parla mentre Gesù trasfigurato per stare alla presenza del Padre riceve da Lui Istruzioni, gli Apostoli Pietro Giacomo e Giovanni sentono il Padre dichiarare:

    Matteo 17:5
    "Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo."

    Parlò il Padre dalla nuvola, non Gesù. Due persone separate e distinte! 

    C'è chi sostiene tale errata dottrina con un versetto in cui Gesù dice che chi ha visto Lui ha visto il Padre, questo non significa che siano la stessa persona, ma solamente che Egli essendo mandato dal Padre lo rappresenta in tutto e per tutto, ed è come se fosse il Dio Padre, oltre all'ovvietà che essendo sia il Primogenito Spirituale che l'Unigenito nella carne, cioè figlio di Dio Padre anche fisicamente gli somiglio come io somiglio a mio papà. 
    (come due gocce d'acqua, sia nel carattere che nell'aspetto)

    Un'ultima scrittura per capire cosa significa l'essere uno come Gesù lo intendeva:

    Giovanni 17:21-23
    21 che siano tutti uno; che come tu, o Padre, sei in me, ed io sono in te, anch'essi siano in noi: affinché il mondo creda che tu mi hai mandato. 22 E io ho dato loro la gloria che tu hai dato a me, affinché siano uno come noi siamo uno; 23 io in loro, e tu in me; acciocché siano perfetti nell'unità, e affinché il mondo conosca che tu m'hai mandato, e che li ami come hai amato me.

    Ciò detto agli Apostoli non ci autorizza a pensare che possa esistere una Quindicesimità:
    Padre+Figlio+Spirito Santo+Apostoli  1+1+1+12= 15
    15 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • Alla fine vinceremo noi cristiani,lo sapete vero?

    21 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • Dio sta solo a guardare dall'alto?

    8 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • PERCHÉ IO TROVO PIÙ ATEI QUI CHE IN GIRO????????

    Io qui trovo parecchi atei, in giro nel mondo sono tutti credenti! E poi soprattutto in questa categoria che parla di religione!?
    15 risposte 12 ore fa Religione e spiritualità
  • Nel buddismo è peccato masturbarsi e guardare materiale pornografico?

    11 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • Domanda di religone?

    Perche gli ebrei nel mentre che aspettavano che Mose tornasse dal Monte Sinai si misero ad adorare un vitello d'oro? Ma sono stupidi o cosa? Se a quel tempo c'era un dio che appariva sempre come ***** facevano a non credere in lui?
    12 risposte 3 giorni fa Religione e spiritualità
  • La scienza e la tecnica sono cultura?

    6 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • Religione imposta dalla famiglia o raggiunta con una libera e sincera ricerca della propria via?

    Molte persone si trovano in una religione perché ci sono nati dentro. Molti si battezzano sin da piccoli. Altri si battezzano dopo ma di fatto vivono già in quella religione mia cugina è tdg e si è battezzata a 18 anni dice che la scelta è libera. Sicuramente ha dato lei il consenso ma penso che la libertà sia comunque condizionata dall'ambiente. Dopo anni in una comunità che continua a bollare tutte le altre religioni come "false" come si fa a pensare che (psicologicamente) quella scelta sia realmente libera? Io nata in una famiglia cattolica non volevo fare la cresima eppure (psicologicamente) non ero tanto libera di dire no perché già per il fatto di non volerla fare tutti i parenti (nonna compresa) mi guardavano storta!  Ho dato io il consenso ma di fatto psicologicamente non mi sentivo libera. Penso che mia cugina abbia vissuto la stessa cosa. Ora mi sto interssando ad un altra religione. Non so se mi convertirò perché per ora è solo una curiosità e voglio approfondire prima di dire si o no. In questo percorso mi sento perfettamente libera perché non ho un gruppo o una famiglia che mi condiziona la mente per spingermi in quella direzione. Sto facendo questo studio in totale libertà e segretamente senza nessun condizionamento e sto avvertendo anche una crescita nel cammino. Voi siete nella religione in cui siete dopo una libera ricerca o perchè ci siete nati dentro?
    14 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • Tra atei e credenti chi sono i più accaniti spolliciatori?

    Ho notato una cosa paradossale! In alcune domande ci stanno valanghe di pollici alti e valanghe di pollici bassi. Ho pensato che appartenenti ad una determinata religione tendono a spolliciare non un altra religione ma TUTTI gli appartenenti a una diversa religione.  Ho provato poi a leggere i contenuti delle domande e delle risposte e mi sono reso conto che si trovano spolliciati anche gli appartenenti alla stessa religione (o almeno che si avvicina) di colui che ha posto la domanda ma anche questa cosa non mi ha convinto perché ho visto (nella stessa domanda) risposte atee e offensive che avevano un numero di pollici versi inferiore agli altri. Ho formulato alcune ipotesi: 1) Sono più spolliciatori i credenti e spolliciano i membri delle diverse religioni senza pietà perché sono più infastiditi dal diversamente religioso che avversa la loro dottrina e non dall'ateo 2) Sono gli atei che spolliciano tutti i credenti di qualunque appartenenza perché sono infastiditi dalla presenza di credenti. Ma se così fosse perchè gli atei vengono in una sezione di credenti??? 3) La sezione è in mano ad un gruppo che non vuole persone ad di fuori della loro cerchia 4) È in corso una "battaglia di pollici" tra gruppi e spolliciano in base alla persona e non in base al contenuto 5) Forse i testimoni di geova ne sanno qualcosa... Voi cosa ne pensate? Un fatto innegabile è che in questa sezione gli spolliciamenti sono esagerati e la cosa mi dà la nausea 
    11 risposte 7 ore fa Religione e spiritualità
  • Che male avevano fatto i bambini che morirono nel diluvio universale?

    P.S.: basta questo o debbo pubblicare il link del capitolo diluvio?
    10 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • La tomba del fondatore dei testimoni di geova ha chiaramente il simbolo massonico avete visto?

    Per quali motivi i testimoni di geova stessi non vogliono ammettere tutto l'occulto che si cela dietro questa società? Le origini e la appartenenza alla massoneria sono chiarissime.Negano tutto nonostante la chiara evidenza e mi chiedo il perchè?
    7 risposte 3 giorni fa Religione e spiritualità
  • Jonio blu augura il cancro a chi indossa la mascherina. Cosa ne pensate di uno che si reputa credente e dice cose del genere?

    Migliore risposta: E' doveroso fare una precisazione.

    Le mascherine che vengono usate da noi comuni cittadini, sono mascherine che hanno un fine ben specifico.

    Non proteggerci dal coronavirus, ma impedire che chi è affetto da Coronavirus, lo possa trasmettere ad altri.
    Poichè sono mascherine che servono a impedire che il droplet, (che è una parola inglese che significa lasciar cadere, ) vada nell'aria.

    Quindi la risposta di Jonio Blu è davvero stupida, in quanto se lui ha il covid e non sa di averlo , non usando la mascherina potrebbe infettare la gente che sta intorno , anche coloro che hanno la mascherina, in quanto come ho appena detto, le mascherine vendute , non servono a proteggerci ma servono a impedire il rilascio nell'aria del covid e quindi fa in modo che il virus resti attaccato alla mascherina della persona infetta.

    A differenza dei dispositivi che hanno invece gli infermieri e medici che sono completamente protetti da covid con tute, occhiali, e mascherine professionali.

    Solo le loro proteggono dal covid, le nostre invece servono a evitare che il virus si propaghi nell'aria.

    Un alternativa alla mascherina è una semplice stoffa a più strati.
    In quanto impedisce alla saliva e alle microgoccioline di propagarsi nell'aria.

    Quindi se Jonio non vuole mettersi la mascherina venduta in commercio , può prendere una stoffa di cotone , piegarla a più stratti e indossarla.

    Ma la mascherina dovrebbe essere un obbligo per tutti , in quanto al momento è l'unico dispositivo che impedisce al coronavirus di diffondersi nell'aria.

    Se un malato covid cammina senza masherina e uno sano la mette, quello sano rischia di prendersi l infezione cmq, perchè la mascherina chirurgiche cmq fanno passare l'aria sia da sopra che dai lati e non è una protezione completa. ..
    11 risposte 12 ore fa Religione e spiritualità
  • Cos è l anima?da defunti c è ancora ?

    11 risposte 2 giorni fa Religione e spiritualità
  • Mi dite la vostra onesta  e schietta opinione su questo mio pensiero che ho chiamato "Paradosso del credente all'inferno"?

    Migliore risposta: Se è un paradosso, non hai molte alternative. Per cui rassegnati.

    Ma in fondo - si sa - il credente (medio) che ha ricevuto in dono la fede (sarà...) dovrebbe ben sapere che questa è simile a "una folgorazione, un'illuminazione spirituale, un Nirvana", come direbbero gli amici buddhisti. 

    O come quella che avrebbe avuto persino il famosissimo Saulo di Tarso, che il credente medio segue quasi più dello stesso Cristo.

    E invece... Il credente medio, quasi incurante di quest'attributo fondamentale, percuote - amorevolmente, per l'amor di Dio - il non credente medio, a colpi di passi biblici e di vergate spirituali.
    11 risposte 4 giorni fa Religione e spiritualità
  • Alcuni complottisti ora affermano che essere intubati per Covid è mortale più del Covid stesso! ?

    In quanto l'intubazione causerebbe trombi e quindi l'intubazione in sé è più mortale del covid. Da chi l'hanno sentita questa? Conoscete chi ha messo in giro questa voce?
    12 risposte 1 giorno fa Religione e spiritualità
  • In che modo Gesù ci ha salvati?

    Col suo sacrificio?  Non l'ho mai capito... In che senso? Cioè... perché gli serviva farsi crocifiggere per poterci salvare? Praticamente dico... perché????? E poi ....salvarci da chi?
    15 risposte 3 giorni fa Religione e spiritualità
  • Che voi crediate o meno, condividete il messaggio di amore e fratellanza di Gesù?

    In poche parole, condividete questa “filosofia”? Il trattare il prossimo come se stesso, amare il nemico, fare il bene a tutti e non solo a chi ce ne fa in cambio, essere disposti a sacrificarsi per andare incontro a qualcuno e non solo a se stessi. A prescindere che sia o meno un Dio a dire questo, vi piace il messaggio? E se non vi piace, quale tipo di rapporto con il prossimo in generale pensate che sia il “migliore”?
    9 risposte 8 ore fa Religione e spiritualità